Visita www.grumonline.it, www.modugnonline.it, oltre a www.binettonline.it, www.torittonline.it e www.bitettonline.it - Tutto su Grumo Appula, Modugno, Binetto, Toritto, Bitetto e la provincia di Bari!

martedì 31 marzo 2009

I GLADIATORI-LIONS 14-21


Indisponibili: Pasquale.

Partita inziata alle 18.40 e terminata alle 20:15.
Lions subito avanti con Vito e la tripletta di Giuseppe, ma I Gladiatori reagiscono con la doppietta di Mimmo: 2-4.
I Lions provano l'allungo con le doppiette di FrancescoB, Vito e Massimo, ma MimmoZ accorcia: 3-8.
Però I Gladiatori ci credono, e grazie a Michelangelo, Mimmo e la doppietta di MimmoZ riescono ad arrivare fino al 7-8.
Ma i Lions sono indomabili oggi, Giuseppe, FrancescoB e Vito segnano a raffica fino all'8-16. I Gladiatori provano una timida rimonta con Mimmo, ma i Lions si ritrovano un portiere insuperabile oggi e allungano ancora con Massimo e FrancescoB: 9-19, che equivale anche al massimo vantaggio.
Per i Gladiatori accorciano ancora MimmoZ, Michelangelo, Donato e Mimmo (2), ma nel finale le reti di FrancescoB e Vito fissano il risultato finale sul 14-21.
Migliori dei Lions: AntonioB e Massimo.
Migliori de i Gladiatori: MimmoZ e Donato.

Lippi fa catenaccio
E intanto prova il Pa.Pe.Ro



Il c.t. azzurro non si sbottona sulla formazione anti-Irlanda, ma nell'ultimo allenamento prima della partenza per Bari, prova il tridente offensivo formato da Pazzini, Pepe e Rossi

Un Lippi rilassato, dalla battuta pronta. Che non risparmia sorrisi, ma diventa ermetico quando si tratta di formazione anti-Irlanda.

GLI 11 - "Chi giocherà lo scoprirete domani sera allo stadio. Voglio vedere come recuperano i giocatori usciti non al meglio dalla sfida col Montenegro. Come ho visto Pazzini-Pepe-Rossi? Molto bene, come anche Quagliarella-Iaquinta e Foggia". Assalto respinto.

CHIUDERE I CONTI - "Mi aspetto di vincere. Ma anche se vincessimo non sarebbe però un passo definitivo. Importante, non definitivo".

L’IRLANDA - "Mi aspetto grande determinazione e aggressività da parte dell’Irlanda, che finora ha fatto un girone di qualificazione splendido. Occhio all’abilità nei colpi di testa di Doyle. La bravura di un allenatore è saper sfruttare al massimo il potenziale dei proprio giocatori. E Trapattoni questo lo sa fare. Poi non so cosa si inventerà....".

BARI - "Lo stadio me l’aspetto pieno, pimpante, italiano. Penso che sugli spalti tiferanno tutti Italia, ma sono liberi di fare quello che vogliono".
(da gazzetta.it)

Maicon, il guaio è serio
La stagione è già finita?



Più grave del previsto l'infortunio patito dal terzino con la Nazionale brasiliana. Il dottor Combi: "Si tratta di una lesione importante al retto femorale della gamba destra. Resterà in Brasile per dieci giorni, poi tornerà a Milano". Nella migliore delle ipotesi tornerà per il match col Cagliari alla penultima giornata

Non arrivano buone notizie per l'Inter sul fronte Maicon. L'infortunio che il terzino ha subito giocando con il suo Brasileè più grave del previsto, e salvo sorprese gli costerà il resto della stagione. Nella migliore delle ipotesi (recupero lampo) rientrerà contro il Cagliari alla penultima giornata.
(da gazzetta.it)

La Juve esce
dal processo Calciopoli



E' ripartito il 24 marzo il processo per Calciopoli. Alle ore 10.35 è arrivato il primo break dell'udienza perchè non sono state correttamente presentate le notifiche per gli arbitri De Sanctis e Dattilo. Il presidente della commissione Teresa Caroria assieme al suo collegio (tutto al femminile) è in camera di consiglio per decidere sul da farsi.

Escono quindi dal processo la Juve, tutte le società calcistiche che avevano proposto la costituzione di parte civile, l' Avvocatura dello Stato e la Figc. È stata stralciata per un difetto di notifica la posizione dell' arbitro Massimo de Santis, su cui sarà chiamato a pronunciarsi di nuovo il Gup in udienza preliminare.

PROCESSO VELOCE - Sarà un procedimento veloce: previste 13 udienze dalla prossima del 21 aprile, fino alla pausa estiva.
(da tuttosport.com)



D'Onofrio: «Svolta a Napoli:
alla Juve vanno ridati gli scudetti»



L’esperto in Diritto sportivo su Calciopoli: «Ora i due scudetti vanno restituiti: il club è stato escluso dal processo, la sua responsabilità per l’operato di Moggi è al massimo oggettiva, da punti di penalizzazione: ridargli i titoli compenserebbe la B»

Martedi scorso Teresa Casoria, presidente della giuria, ha escluso la Juventus dal processo di Calciopoli: essendo un procedimento soltanto penale, il dibattimento riguarderà esclusivamente le responsabilità individuali dei singoli soggetti coinvolti e non quella oggettiva attribuibile al club bianconero. La Juventus esce così di scena: non ci potrà essere nei suoi riguardi alcuna delle richieste risarcitorie avanzate da club, associazioni di consumatori o privati cittadini.

L’avvocato Paco D’onofrio ci ha mandato il suo parere su questa vicenda.

«Come ho avuto occasione di anticipare nel corso di al­cuni interventi pubblici re­si all’indomani dell’inizio del processo di Napoli, le questioni lasciate irrisolte dalla frettolosa giustizia sportiva dell’estate del 2006 sarebbero riemerse presto, ben prima dell’ulti­mo grado di giudizio pena­le».

«In effetti, è dato recente che i giudici ( statali, a differen­za di quelli sportivi che non appartengono all’ordina­mento giudiziario), sulla base di un’ampiezza di pro­ve indubbiamente inesi­stente nel momento in cui si è celebrato Calciopoli da­vanti agli organi della Figc, ha deciso di estromettere dal processo la Juventus, sollevandola da eventuali responsabilità risarcitorie ed asseverando la nota e ri­corrente tesi difensiva del­la società che, nella rinno­vata gestione, si è sempre dichiarata e professata quasi “ vittima” del presun­to travalicamento di man­sioni che il suo ex Direttore Generale, Luciano Moggi, avrebbe perpetrato nel tempo. Tralasciando ogni questio­ne sul punto, anche nel ri­spetto del processo che si sta celebrando, non può tuttavia non sottolinearsi che al momento, sulla base di quanto deciso dal colle­gio partenopeo, non è dato rinvenire alcun profilo di responsabilità del club bianconero, che, quindi, esce dall’agone processua­le. Gli scudetti revocati alla Juventus andrebbero rias­segnati, quale effetto rever­sibile ( ormai la retrocessio­ne in serie B è stata effetti­vamente espiata) di una pronuncia della giustizia sportiva che si è fondata su un erroneo presupposto di fatto. Si ricorderà, infatti, che l’accanimento sanzio­natorio della Figc nei con­fronti della società bianco­nera si spinse oltre la sem­plice attribuzione di punti di squalifica ( come per le altre tre squadre coinvol­te), ma si decise di retroce­dere la squadra appena di­venuta Campione d’Italia, revocandole anche lo scu­detto conquistato nel corso di un campionato non sot­toposto ad procedimento di­sciplinare!»

«La non convincente gestio­ne del processo sportivo in termini di garanzie costitu­zionali e diritti della difesa, nonché l’applicazione delle massime sanzioni possibili, trovarono giustificazione nell’argomento federale se­condo cui la Juventus an­dasse punita con severità esemplare perché aveva be­neficiato ed avallato un si­stema di corruzione arbi­trale. Non è così, a meno che non si consideri più attendibile un giudice sportivo rispetto ad un Tribunale della Re­pubblica. Ferma restando la mia as­soluta convinzione dell’in­nocenza di Luciano Moggi, in ogni caso, per il solo pri­mo esito processuale napo­letano, la Juventus sarebbe legittimata a chiedere la revisione del processo spor­tivo, chiedendo la rassegna­zione degli scudetti illegit­timamente revocati (effetto ancora reversibile), quale atto moralmente doveroso nei confronti dei tifosi che ancora si interrogano sulla rinuncia al ricorso al Tar e giuridicamente doveroso nei confronti dei piccoli azionisti che hanno sofferto l’andamento al ribasso del titolo, per le note vicende».
(da tuttosport.com)

Lippi: un messaggio per Bari


Un primo tempo con qualche ombra, una ripresa in crescita che fa sorridere Marcello Lippi. Schietto come sempre, il Commissario tecnico ammette che non è stata una grande Italia: “Nel primo tempo – dichiara – non abbiamo giocato benissimo, abbiamo ricevuto un bel regalo dal Montenegro e da Batak che ha commesso con la mano quel fallo da rigore e siamo passati in vantaggio. Per la verità non ce lo siamo tanto meritato, anche se non abbiamo mai concesso nulla agli avversari. Per fortuna è andata molto meglio la ripresa, la squadra ha giocato con personalità, ha creato buone occasioni e mi ha soddisfatto”.

Importanti erano i tre punti, che consentono all’Italia di staccare la Repubblica d’Irlanda prossima avversaria: “Abbiamo due punti di vantaggio – ammette Lippi – e possiamo incrementarlo mercoledì prossimo a Bari. Mi auguro che il pubblico ci accolga con calore, come ha sempre fatto, e ci dia una mano a portare in porto una partita per noi molto importante”.

Due parole, infine, su Di Natale e Pazzini: “Sono molto dispiaciuto per l’infortunio a Di Natale, dopo appena sette minuti di gioco, un episodio sfortunato che incrementa la lunga lista di indisponibili. Al contrario sono contento per Pazzini, che sta vivendo un momento particolarmente fortunato. E spero che continui così, è un giovane molto interessante”.

Ieri mattina la Nazionale è tornata a Coverciano dove ha continuato la preparazione in vista della gara di mercoledì contro la Repubblica d’Irlanda di Trapattoni. Allenamento al pomeriggio per gli Azzurri, che lavoreranno al centro tecnico federale anche oggi.

Domani alle 17:00 la partenza da Firenze per Bari.
Alle 18:30 incontro con la stampa del CT presso lo stadio San Nicola

La nazionale verde-arancio dell'Irlanda guidata dagli italiani Giovanni Trapattoni e Marco Tardelli arriverà in Puglia oggi, verso mezzogiorno, 48 ore dopo il match contro la Bulgaria. Gli azzurri del ct Marcello Lippi, invece, arriveranno a Bari solo martedì 31, a pomeriggio. Una volta sistematisi nell’albergo Villa Romanazzi Carducci, ci sarà subito un allenamento all’interno del San Nicola. Qui saluteranno i tifosi, che si stanno preparando con entusiasmo a sostenere la nazionale campione del mondo.
I tifosi irlandesi, con ogni probabilità, giungeranno domani mattina a Bari. Un’occasione straorinaria per la città che, come contro la Scozia due anni addietro, potrà trascorrere due giorni con centinaia d’irlandesi, in un abbraccio tra culture, tradizioni e accoglienza che trasformerà le vie di Bari in luogo di festa e reciproca conoscenza. A meno di qualche birra di troppo.
(da figc.it)

lunedì 30 marzo 2009

La Coppa del Mondo oggi a Bari


In occasione della partita di qualificazione ai Mondiali del 2010 Italia-Repubblica d’Irlanda, la Coppa del Mondo raggiungerà Bari. Sarà esposta presso la Sala Consiliare del Palazzo di Città di Bari lunedì 30 dal momento del suo arrivo, in tarda mattinata, fino alle ore 18, martedì 31 dalle ore 9 alle ore 18 e mercoledì 1° aprile dalle 9 alle 12.30.

La Coppa del Mondo andrà poi a Catania, in occasione del triangolare di calcio tra le Nazionali Giornalisti Rai, Magistrati e Polizia di Stato che si svolgerà allo stadio Comunale “Massimino” nell’ambito della nona edizione della manifestazione “Un pallone per amico”. Il 3 aprile la Coppa sarà esposta, dunque, allo stadio “Massimino” dalle ore 9 alle ore 12.
(da figc.it)

E.Grumese-Acquaviva 1-1


Finisce in parità la penultima gara dell'Europa Grumese prima dei playoff. Una partita inutile ai fini della classifica, visto il secondo posto matematico conquistato già contro la Leonessa nell'ultima gara interna, e condizionata dal forte vento. Primo gol stagionale per De Palma.

Nonostante la mancanza di stimoli e nonostante il turnover, la Grumese riesce a sfoderare una buona prestazione contro una squadra "affamata" di punti e in lotta per i playout. Mister Abrescia manda in campo una squadra quadrata e sempre in cerca del bel gioco e dello spettacolo, anche quando non ci sono in palio i "punti pesanti", dimostrando anche tanta sportività per onorare e rispettare il campionato e le squadre in lotta con l'Acquaviva per non retrocedere. E questo é merito dell'allenatore, che in ogni gara riesce a motivare i propri calciatori e a dare la giusta grinta, in attesa delle gare che conteranno tantissimo, e cioé i playoff che inizieranno domenica 26 aprile 2009. Comunque vadano, bisogna ringraziare sia la società sia il mister per il meritatissimo secondo posto conquistato in un campionato difficile come quello di Promozione, alla prima presenza dopo 32 anni di assenza, e con un risultato insperato alla vigilia, alle spalle solo di una fortissima squadra come l'Audace Cerignola, che ha strameritato la vittoria del campionato, grazie a una serie interminabile di vittorie consecutive.

Per leggere la cronaca della gara, andate su Grumonline.it.

Il Bari batte il Pisa e fugge
Pareggiano le inseguitrici



La squadra di Conte, subito in vantaggio con Guberti, regge l'urto dei toscani grazie a un grande Gillet e sfiora anche il raddoppio: ora è a +9 dalla terza. Parma bloccato sull'1-1 dal Piacenza. Finisce 2-2 fra Brescia e Livorno, con una doppietta a testa di Caracciolo e Tavano, mentre l'AlbinoLeffe batte 2-0 il Treviso

Un piede in serie A, forse anche uno e mezzo. Il Bari soffre a Pisa ma porta a casa tre punti che fanno salire a +9 il vantaggio sulla terza (il Livorno). Mattia Graffiedi gela il Tardini e il Parma fallisce il sorpasso al Bari impegnato questa sera a Pisa nel posticipo serale. Con il Piacenza finisce infatti 1-1. Pari anche tra Brescia e Livorno, mentre vince l'AlbinoLeffe. Ecco il quadro completo della giornata in attesa di Pisa-Bari. Rimini-Ascoli si gioca domani sera (ore 20.45), mentre Sassuolo-Avellino si disputerà il 14 aprile alle 16.

PISA-BARI 0-1 - Pisa - Il palcoscenico è quello che di solito la serie A regala alle partite importanti. La serie B ha voluto riservarlo alla capolista Bari. E non se ne sarà pentito. Il Bari raccoglie il 16esimo risultato utile consecutivo ed allunga in classifica. Conte deve fare a meno di De Vezze squalificato e di Kutuzov, impegnato con la propria nazionale.
Ventura invece senza Alvarez, causa squalifica deve fare i conti con il forfait di Birindelli. E così mentre Gillet può festeggiare le sue 273 presenze in biancorosso diventando così il terzo giocatore della storia del club pugliese. Il primo tiro degno di nome porta la firma di Guberti
che dopo un rimpallo fortunato si gira a e tira con la palla che però termina sul fondo.
Al 4’ minuto calcio di punizione per il Bari ma il tiro di Parisi sbatte sulla barriera e termina in angolo, poi Cejas para a terra. Tiro dalla distanza di Guberti ma nulla. Un minuto dopo è sempre Guberti a mettere in subbuglio la difesa avversaria e dopo un dribbling su due difensori,
non riesce ad inquadrare la porta. Bella discesa di Rivas che in accellerata mette in mezzo, Caputo lascia passare e Guberti tutto solo mette dentro.Esposito che già prima della gara aveva avuto problemi di nausea non ce la fa e così Conte è costretto ad effettuare il primo cambio, inserendo il giovane Ranocchia. Al 1’ azione pericolosa di Job ma Stellini salva mandando in angolo, ancora un cross di D’Anna ma entrambe le punte pisane non ci arrivano. Al 20’ parata incredibile di Gillet su un tiro pericoloso di Gasparetto. Al 25’ contropiede del Pisa, ma Job al momento del tiro non inquadra la porta. E’ un Pisa che ha ben reagito al gol del vantaggio ospite. Al 35’ Donda commette fallo su Degano, Saccani fischia la punizione. Sulla palla Genevier che tira direttamente in porta. Gillet è attento e para. Sul finire dei primo tempo, su angolo di Guberti Ranocchia colpisce di testa, ma il pallone finisce di pochissimo fuori. Nella ripresa, Ventura decide di richiamare in panchina Joelson non proprio contento della sua prova inserendo Antenucci. Al 9’ minuto grande parata di Gillet su di un tiro pericoloso di Joelson che dopo aver saltato Parisi tira a botta sicura ma il portiere barese c’è anche se frastornato resta a terra. Conte decide che è arrivato il momento di cambiare al 20’ quando Kamatà entra per Caputo. Al 35’ punizione da posizione interessare Barreto sulla palla: tiro a girare e palla che colpisce il palo alla sinistra dell'estremo difensore pisano. Al 42’ la punizione è per il Pisa con Genevier che tenta di sorprendere Gillet. Dopo tre minuti di recupero la festa biancorossa può inziare
TABELLINI:
PISA: 19 Cejas, 26 Feussi, 32 Viviani, 5 Bonucci, 16 Zavagno, 37 D'Anna (25'st 10 L. Greco), 2 Genevier, 13 Degano (34'st 21 Radovanovic), 7 Job, 30 Gasparetto, 14 Joelson (46'st 84 Antenucci). A disp. 12 Sarti, 77 Piccinni, 6 Trevisan, 20 Braiati. All. Gian Piero Ventura.
BARI: 1 Gillet, 5 A. Masiello, 3 Esposito (10'st 13 Ranocchia), 27 Stellini, 21 Parisi, 7 Rivas (40'st 23 Lanzafame), 22 Donda, 14 Gazzi, 17 Guberti, 18 Caputo (21'st 10 Kamata), 16 Barreto. A disp. 72 Santoni, 8 Bianco, 23 Lanzafame, 26 Galasso, 29 Colombo.All. Antonio Conte
Arbitro: Saccani di Mantova (Lion-Biasutto)
Reti: 9'pt Guberti (B)
Ammonizioni: Feussi, Bonucci (P); Gazzi, Caputo (B)
(a cura di Antonio Albanese)

domenica 29 marzo 2009

BrawnGP, è un sogno!
Ferrari, partenza falsa



GP d'Australia: doppietta del team inglese al suo esordio, con Button davanti a Barrichello. Grande Trulli (Toyota) terzo, Hamilton 4°. Fuori nel finale per un contatto, quando erano da podio, Vettel e Kubica. Delusione Ferrari: ritiro per Massa e Raikkonen

Rivoluzione e spettacolo. Se qualcuno vi avesse detto qualche mese fa che la prima gara del Mondiale 2009 sarebbe stata una sfida tra la BrawnGP (ex-Honda) e la Red Bull vi sareste probabilmente fatti una risata. Invece è stato proprio così. In attesa della decisione Fia, il 14 aprile, sulle vetture contestate.
(da gazzetta.it)

Pirlo-Pazzini: festa azzurra
L'Italia ora è in testa da sola



La Nazionale passa 2-0 in Montenegro con i gol del milanista su rigore nel primo tempo e dell'attaccante della Sampdoria, al debutto, nella ripresa. Il pari dell'Irlanda regala a Lippi il primato solitario nel girone. Brutto infortunio per Di Natale. Mercoledì a Bari la sfida al Trap

L’Italia torna dal Montenegro con tre punti in più, il primo posto ora solitario nel girone di qualificazione al Mondiale 2010, e il primo gol in azzurro, all’esordio, di Pazzini. Jovetic e compagni, che in casa avevano frenato Irlanda e Bulgaria, sono liquidati con un gol per tempo, con la calma della squadra di rango, che magari non sfavilla, quello no, ma sa come e quando colpire. E poi non guasta avere in porta Buffon: una parata, ma salva risultato.
(da gazzetta.it)



Lippi: "Ora allunghiamo"
Di Natale, problema serio



Il c.t. soddisfatto del 2-0 in Montenegro: "Nella ripresa la squadra ha creato tantissimo. Mercoledì possiamo incrementare i due punti sull'Irlanda". Allarme per l'attaccante dell'Udinese: si sospetta una lesione al legamento crociato posteriore del ginocchio sinistro. "Non sono tranquillo"

Soddisfazione, ma con un po' di rammarico. Sono i sentimenti di Marcello Lippi dopo la vittoria dell'Italia sul Montenegro, che lancia gli azzurri in vetta al girone che porta a Sud Africa 2010. Ma è anche la serata di Giampaolo Pazzini, autore del 2-0.
(da gazzetta.it)

sabato 28 marzo 2009

Lippi e l'ombra di Cassano
"Io non cedo alle pressioni"



Il c.t. della Nazionale torna sull'esclusione del barese, pur senza nominarlo: "Non devo giustificare le mie scelte. Chi si è piegato alla volontà della stampa, in passato, non ha superato gli ottavi di finale". E Chiellini allontana Cassano anche dalla Juve: "Fantacalcio"

La Nazionale è arrivata a Podgorica alle 19.05, con un charter proveniente da Pisa. Dopo un'ora e mezza di volo tranquillo, il gruppo di giocatori guidato da Lippi è stato prelevato da un pullman e si è subito recato allo Stadio Buducnost, per un rapido sopralluogo del terreno di gioco. A Coverciano, invece, prima della partenza ha tenuto banco ancora il grande assente. Marcello Lippi non lo nomina mai, ma l'ombra lunga di Antonio Cassano si staglia sulla vigilia di Montenegro-Italia, unico neo, ma bello grosso, che il c.t. individua nella settimana di lavoro dei suoi azzurri.

IL LIPPI FURIOSO - "Sono arrabbiato per certi articoli che ho letto oggi che farebbero pensare ad un clima ostile che troveremmo a Bari (città natale dell'attaccante della Sampdoria) in occasione della sfida con l'Irlanda di martedì prossimo. Io le esclusioni dalle convocazioni non le devo giustificare. Chi in passato si è piegato alle pressioni della stampa se non sbaglio non è andato oltre gli ottavi di finale (il riferimento sembra a Donadoni, che all'inizio non aveva convocato Cassano, ma lo aveva fatto in seguito per gli Europei, ndr)".

IL LIPPI TATTICO - "Abbiamo a disposizione tre centrocampisti centrali (Pirlo, De Rossi, Palombo), ruoteranno come posizione di continuo. I giovani qui in Nazionale sono tutti buonissimi, usciranno fuori".

GLI AVVERSARI - "Giocheremo in un piccolo stadio (11mila posti), contro una squadra che avrà grande entusiasmo, ma dovremo essere più forti di queste condizioni. Se va bene un punto? Andiamo a Podgorica per vincere. I loro giocatori? Hanno tanti "ic", e Jovetic nella Fiorentina non ha ancora reso al meglio come in nazionale".

CHIELLINI - Il difensore centrale della Juventus giocherà con una maschera protettiva contro Montenegro e Irlanda. "Dovrò indossarla per altre due settimane, ma mi sono abituato". L'uomo mascherato teme Jovetic e Vukcevic (centrocampista offensivo dello Sporting Lisbona). Ed è pronto a stoppare sia loro che il fantasma di Cassano, che nel suo caso si materializza come possibile nuovo acquisto bianconero. "Cassano? Fantacalcio, è un grande giocatore, ma se arrivasse dovrebbe andar via un attaccante, 5 del livello dei nostri non sarebbero gestibili. Apertura invece per Amauri in azzurro: "E' un bravissimo ragazzo. Si farebbe voler bene in 5 minuti". E ancora varie ed eventuali: "Non credo che a Bari troveremo del tifo contro l'Italia. Vogliamo sei punti. Calcio italiano in difficoltà? I risultati delle coppe europee non sono l'espressione del movimento nazionale". Proprio come aveva detto Lippi.

GROSSO - Fabio Grosso la pensa come il centrale livornese. "Non possiamo permetterci di fare calcoli nelle prossime due gare, dobbiamo ottenere il massimo perché dopo aver vinto un Mondiale, la fame non manca - spiega il terzino sinistro del Lione -. In questi giorni, al di fuori della squadra si è parlato troppo di argomenti che non riguardano il campo. Per fortuna noi siamo concentrati e vogliosi di fare bene fin dalla partita di domani sera. E poi, a Bari, troveremo un pubblico che ci accoglierà con calore, ne sono certo".
(a cura di Riccardo Pratesida gazzetta.it)

venerdì 27 marzo 2009

Ultras Bari: "Nessun fischio
per esclusione Cassano"



I tifosi pugliesi rispettano la scelta di Lippi

Nessun fischio indirizzato a Marcello Lippi a Bari per la mancata convocazione di Antonio Cassano. Lo hanno garantito gli ultras del club pugliese smentendo così la notizia che si era diffusa nei giorni scorsi in merito ad una contestazione durante la partita contro l'Irlanda dell'Italia, in programma il 1 aprile a Bari. "Nello stadio San Nicola non ci sarà nessun fischio o striscione contro il ct dell'Italia Marcello Lippi. L'esclusione di Tonino è una scelta tecnica da rispettare, anche perchè il signor Lippi in carriera è un tecnico che ha vinto qualcosina...", spiega Alberto Savarese, uno dei leader della curva nord.
(da calciomercato.it)

Buffon: "Cassano??
Sarebbe molto utile..."



Nel ritiro della Nazionale a Coverciano in vista dei due prossimi impegni in Montenegro (sabato 28) e con l'Eire a Bari (il 1° aprile), Gigi Buffon ha parlato dell'esclusione di Cassano (nella foto). "Sarebbe molto utile - dice il portiere, 90 presenze in azzurro, a proposito dell'attaccante della Sampdoria -, ma è Lippi che deve fare delle scelte. E non credo le porte della Nazionale siano chiuse per nessuno. Cassano agli Europei si è comportato bene, e uno come lui al top della forma e a disposizione della squadra può essere molto utile".

Intanto, riposo precauzionale per il difensore Gianluca Zambrotta. Il milanista, dopo aver svolto oggi la prima parte dell'allenamento nel gruppo dei possibili titolari, è stato fermato dallo staff medico. "Zambrotta ha un affaticamento al ginocchio sinistro e per questo è stato tenuto a riposo. È uno stop precauzionale, nell'allenamento del pomeriggio lavorerà col resto del gruppo", ha spiegato il professor Enrico Castellacci. Nell'allenamento mattutino Andrea Pirlo ha preso una botta sulla gamba destra ma per lui "non ci sono problemi" ha sottolineato Castellacci.
Mai come questa volta, Lippi sembra avere già scelto. Dopo la partitella di ieri, infatti, questa mattina il ct ha fatto lavorare insieme ancora i probabili titolari per la partita di sabato contro il Montenegro. Prima che il gruppo dei 23 azzurri si allenasse al completo, la seduta a Coverciano è cominciata infatti con da una parte Zambrotta, Cannavaro, Chiellini, Grosso, Palombo, Pirlo, De Rossi, Quagliarella, Iaquinta e Di Natale, e dall'altra il resto della squadra. In tutto, tra parte atletica, esercizi e schemi, la seduta è durata un'ora e un quarto.
(da calcioclub.nicholaus.it)

Juve, tornano gli scudetti di Calciopoli?
Dal web e dai giornali le prime voci
su possibili clamorosi sviluppi



I due scudetti tolti alla Juventus all'indomani della vicenda-Calciopoli (uno dei quali insensatamente regalato all'Inter) potrebbero tornare presto a far bella mostra di sé in casa bianconera.

Quello che per molti tifosi era una speranza - mai convinti dalla durezza della sentenza contro la società torinese e dal 'perdono' per quasi tutti gli altri... - potrebbe diventare realtà: a sostenerlo è l'esperto avvocato Franco D'Onofrio, le cui idee sono state inviate a Tuttosport e da qui rilanciate sul web.

Vi riportiamo quanto abbiamo letto. Martedì scorso Teresa Casoria, presidente della giuria nel processo in corso a Napoli su Calciopoli, ha escluso la Juventus dalla responsabilità oggettiva: trattandosi di un procedimento soltanto penale, il dibattimento riguarderà esclusivamente le responsabilità individuali dei singoli soggetti coinvolti.

"Non può - ha detto D'Onofrio - non sottolinearsi che al momento, sulla base di quanto deciso dal collegio partenopeo, non è dato rinvenire alcun profilo di responsabilità del club bianconero, che, quindi, esce dall’agone processuale. Gli scudetti revocati alla Juventus andrebbero riassegnati, quale effetto reversibile (ormai la retrocessione in serie B è stata effettivamente espiata) di una pronuncia della giustizia sportiva che si è fondata su un erroneo presupposto di fatto".

"Si ricorderà, infatti, che l’accanimento sanzionatorio della Figc nei confronti della società bianco­nera si spinse oltre la semplice attribuzione di punti di squalifica (come per le altre tre squadre coinvolte), ma si decise di retrocedere la squadra appena di­venuta Campione d’Italia, revocandole anche lo scudetto conquistato nel corso di un campionato non sottoposto ad procedimento di­sciplinare!"

"Per il solo primo esito processuale napoletano, la Juventus sarebbe legittimata a chiedere la revisione del processo sportivo, chiedendo la rassegnazione degli scudetti illegittimamente revocati (effetto ancora reversibile), quale atto moralmente doveroso nei confronti dei tifosi che ancora si interrogano sulla rinuncia al ricorso al Tar e giuridicamente doveroso nei confronti dei piccoli azionisti che hanno sofferto l’andamento al ribasso del titolo, per le note vicende".

Vi terremo ovviamente aggiornati su quanto accadrà...

(a cura di Carlo Griseri da torino.blogosfere.it)



I tifosi ci credono, e fanno partire subito un gruppo su Facebook...
http://www.facebook.com/group.php?gid=78726127316#/group.php?gid=78726127316

giovedì 26 marzo 2009

E.Grumese-L.Altamura 5-0


Grande prova per l'Europa Grumese nella gara valida come recupero della 27^ giornata di Promozione contro la Leonessa Altamura. In rete il bomber Quercia, che mette a segno una tripletta; le altre reti sono state siglate da Savoia e Ferrulli..

Una vittoria che vale il secondo posto matematico in classifica a 2 partite dal termine, grazie al +7 maturato sul Fortis Trani, e anche la certezza di essere la migliore seconda dei 2 gironi di Promozione, visti i 7 punti di vantaggio sulla vice-capolista del Girone B, il Toma Maglie...

Continua su Grumonline.it.

Tragico schianto in auto
muore Parisi, oro a Seul '88



L'ex campione del mondo di pugilato e medaglia d'oro ai Giochi del 1988, 41 anni, è deceduto in seguito a un incidente stradale avvenuto sulla tangenziale di Voghera: l'auto sulla quale viaggiava si è scontrata frontalmente con un camion




Il mondo dello sport italiano è in lutto: Giovanni Parisi, 41 anni, ex campione del mondo di pugilato e campione olimpico a Seul nel 1988, è morto questa sera in un incidente stradale avvenuto sulla tangenziale di Voghera. L'auto sulla quale viaggiava, verso le 20 e 40, si è scontrata frontalmente con un camion. Parisi, originario di Vibo Valentia, ma da molti anni residente a Voghera, è morto sul colpo. Sposato con Silvia e padre di tre bambini, era da solo al volante della sua BMW coupè color amaranto e stava dirigendosi verso la propria abitazione, una villa nell'immediata periferia cittadina, a poche centinaia di metri dallo svincolo di Medassino della stessa superstrada. Per cause ancora in fase d'accertamento, la potente autovettura si è scontrata frontalmente con un furgone, un Iveco 35/10, che trasportava materiale elettrico, il cui conducente è ricoverato al pronto soccorso dell'ospedale civile di Voghera. L'urto è stato violentissimo ed entrambi i veicoli sono finiti fuori strada, in un fosso accanto alla tangenziale: la parte anteriore della BMW della medaglia d'oro olimpica di Seul, nell'impatto devastante col camioncino, "è come esplosa" hanno raccontato i primi soccorritori. L'auto si è letteralmente disintegrata, non lasciando scampo a Giovanni Parisi. Quando, sul posto, sono arrivati i sanitari del 118, l'equipaggio medicalizzato non ha potuto far altro che constatare il decesso dell'ex-campione. La tangenziale di Voghera è ancora chiusa al traffico, in entrambi i sensi di marcia, nel tratto teatro dell'incidente.
(da gazzetta.it)

Buffon: "Benvenuto Amauri
Su Cassano decide Lippi"



Il portiere sul compagno in bianconero: "Se ci aiuta a migliorare ben venga, ma se sceglierà l'Italia lo farà per un sentimento forte". Sul barese: "Sarebbe molto utile, ma spetta al c.t. fare le scelte". Poi uno sguardo al campionato: "Le nostre ultime chance passano per lo scontro diretto con l'Inter"

È Gigi Buffon l'uomo del giorno nel ritiro della Nazionale che prepara le sfide con Montenegro e Irlanda verso Sud Africa 2010. Il portiere affronta i temi caldi, da Cassano a Amauri, con una puntatina sulla lotta scudetto
(da gazzetta.it)

L'Under riparte con un pari
E Casiraghi scopre Paloschi



Al Torneo delle Quattro Nazioni di Vienna, l'Austria e la nuova Italia pareggiano 2-2. Azzurrini sotto di due gol, poi la rimonta grazie ad Ariaudo e alla rete del giovane centravanti del Parma, uno degli uomini cardine del prossimo biennio
(da gazzetta.it)

Oggi a Grumo Appula
E.Grumese-L.Altamura



Oggi alle ore 15:00 al Campo Sportivo Comunale di Grumo Appula si disputerà il recupero della gara valida per la 27^ giornata di Promozione tra l'Europa Grumese e la Leonessa Altamura.

Lo scorso 15 marzo, infatti, la gara non si disputò poiché il pullman che portava 9 calciatori altamurani a Grumo Appula subì un incidente stradale.
Questa gara potrebbe assegnare il secondo posto matematico in classifica ai rossoblù di casa con 2 gare di anticipo, nel caso in cui battessero i biancorossi.
Si tratta anche dell'ultima gara che avrà inizio alle ore 15:00, dato che da domenica prossima le lancette verranno spostate un'ora avanti, causa il subentro dell'ora legale, e quindi le gare inizieranno alle ore 16:00.

L'arbitro della gara sarà il signor Sabatino Davide della sezione di Foggia, coadiuvato dagli assistenti barlettani Pietroleonardo Antonio e Antonacci Giuseppe...

Continua su Grumonline.it.

mercoledì 25 marzo 2009

Reggina-Udinese
si gioca a Pasqua



Calcio anche nel giorno di Pasqua. Visto che l'Udinese dovrà giocare l'andata dei quarti di Coppa Uefa con il Werder Brema giovedì 9 aprile, la Lega, su richiesta della stessa società friulana, ha deciso di posticipare Reggina-Udinese da sabato 11 aprile alle ore 15 a domenica 12, giorno di Pasqua,con inizio alle 16.

Rinviata anche una partita di serie B: Sassuolo-Avellino, in calendario domenica prossima 29 marzo, slitta a martedì 14 aprile alle ore 16 in quanto l'Avellino ha giocatori impegnati con le loro nazionali.

Cassano: "Lippi mi promise
Se giochi ti convoco"



In un capitolo di "Dico tutto", l'autobiografia, Antonio racconta la promessa del c.t. dell'Italia - ai tempi del Real Madrid - di convocarlo se avesse giocato con continuità. Ora Antonio non sbaglia una partita, ma l'azzurro resta proibito

Antonio Cassano e la Nazionale. Un rapporto tormentato. Qui di seguito riportiamo una parte della biografia di Fantantonio "Dico tutto", in cui il fantasista della Samp parla di una promessa che Lippi gli aveva fatto anni fa e che torna di grande attualità:
Tornando alla Nazionale, dopo quel buon Europeo con il Trap, mi perdo. Comincia un periodo orribile che mi porterà a saltare il Mondiale di Germania. Marcello Lippi mi fa un discorso molto onesto all’inizio dell’esperienza al Real Madrid, mancavano cinque mesi al Mondiale. "Mi auguro che tu possa giocare con continuità» mi dice, «in quel caso avrai molte possibilità di venire con noi. Altrimenti per me sarà molto difficile chiamarti. Mettiti nei miei panni, Antonio". Un discorso corretto. Assolutamente rispettabile. Del resto io non voglio favori, ma chiarezza. È giusto che abbia chiamato altri. La finale del Mondiale 2006 quindi me la vedo in televisione, da tifoso dell’Italia, come era giusto che fosse, visto che venivo da un anno orrendo, passato a non giocare, metà a Roma e metà a Madrid.
(da gasport)

Mou: "La mia Inter ideale"


Intervista esclusiva al tecnico dell'Inter sulla "Gazzetta dello Sport" in edicola oggi. Mourinho svela i progetti al centro dei suoi colloqui con Moratti, dalla svolta giovane ai rinforzi per la Champions

Di ritorno dall'Università di Lisbona dove ha ricevuto una laurea honoris causa, Josè Mourinho ha concesso un'intervista esclusiva alla "Gazzetta dello Sport" oggi in edicola. Il tecnico dell'Inter parla delle richieste fatte a Moratti per la prossima stagione: dai giovani ("Puntare su altri ragazzi") alla riduzione dell'organico, dalla richiesta di ristrutturare la Pinetina all'obiettivo Champions ("Per vincerla subito servono quattro campioni").
(da gasport)

Torino, ora è ufficiale
Camolese nuovo tecnico



Ora è arrivata anche l'ufficialità: il tecnico, già alla guida dei granata dal 2000 al 2002, torna sulla panchina che lo ha lanciato. Domani alle 14 la presentazione
(da gazzetta.it)

Scherzo di Del Piero
"Ferrara allenatore del Bari
dal 2010"


video

martedì 24 marzo 2009

Lippi: "Cassano? Non parlo
E non perché sono arrogante"



Il c.t. azzurro: "Non devo motivare le mie scelte". Anche Pazzini, compagno d'attacco del barese nella Samp, sembra dargli ragione: "Ricordiamoci che il mister è campione del Mondo e spetta a lui decidere". Alle 16, una seconda seduta atletica, stavolta a porte chiuse

"Cassano? E dov'è? Sapete che parlo solo dei presenti". Prima domanda, prima risposta di Marcello Lippi. Deciso di fronte a chi gli chiede della non convocazione di Antonio Cassano in Nazionale. "Non devo motivare le mie scelte - le parole del c.t. dell'Italia -. Ho le mie convinzioni e non devo dare spiegazioni. E non perché sono arrogante, ma perché voglio lavorare su chi c'è".
(da gazzetta.it)

Toni: "Amauri azzurro?
Io non sarei d'accordo"



L'attaccante della Nazionale, attualmente infortunato, intervistato dal settimanale "Chi" sponsorizza altri giocatori e indica tra i suoi preferiti Di Vaio e Pazzini: "Due campioni eccezionali che non hanno problemi di carta d'identità o di passaporto". E annuncia: "Entro l'anno sposo Marta Cecchetto"

"Amauri? Deve scegliere lui, ma anch'io avrei gestito la faccenda della Nazionale in un'altra maniera" aveva dichiarato nei giorni scorsi a Sky. "Io non sarei d'accordo" sottolinea invece Luca Toni in un'intervista rilasciata al settimanale Chi. "In Italia abbiamo dei campioni eccezionali. Parlo di Marco Di Vaio e Gianpaolo Pazzini. Due che non hanno problemi di carta d'identità o di passaporto", ha detto l'attaccante del Bayern Monaco e della Nazionale parlando di una possibile chiamata da parte di Marcello Lippi di Amauri.
(da gazzetta.it)

I GLADIATORI-LIONS 15-15



Indisponibili: Donato, FrancescoD, FrancescoB, Pasquale

Partita molto equilibrata, iniziata alle 18:50 e terminata alle 20:30.
Lions in vantaggio subito con Giuseppe e VitoM (0-2), ma I Gladiatori pareggiano con MimmoZ e Mimmo (2-2).
Lions si riportano in vantaggio per 2-4 con doppietta di VitoM, ma I Gladiatori pareggiano ancora con Mimmo e Seba Veron: 4-4.
I Lions tentano ancora l'allungo con VitoB e Vito (4-6), ma I Gladiatori riescono per la prima volta a portarsi in vantaggio con Michelangelo (2), MimmoZ e Mimmo: 8-6.
Il risultato resta sempre in vantaggio per I Gladiatori per 30' circa, sempre avanti per una o due reti di scarto, fino al 12-10 (reti di Mimmo (2), Seba Veron e Michelangelo per I Gladiatori e di VitoM, VitoB e Giuseppe (2) per il Lions.
Ma i Lions pareggiano ancora con doppietta di VitoM (12-12) e nel finale si portano in vantaggio sul 12-13 (dol di Giuseppe); poi dopo il pareggio di Mimmo tentano l'allungo decisivo sul 13-15 sempre con i loro due attaccanti.
Ma nel recupero arriva la doppietta di Seba Veron, che fissa il risultato finale sul 15-15.
Migliori de I Gladiatori: MimmoZ e Antonio.
Migliori dei Lions: VitoM e Massimo.

Tutti contro Mourinho
Allegri: "Frasi patetiche"



Reazioni alle dichiarazioni dell'interista sui colleghi che si farebbero imporre la formazione. Ulivieri: "Stavolta l'ha fatta fuori dal vaso". Ancelotti ironizza: "Con Berlusconi ho vinto due Coppe da giocatore e due da viceallenatore". Donadoni: "Poco elegante e poco educato". Controreplica del portoghese: "Parlavo in generale, chi mi attacca ha la coda di paglia"

"Mourinho stavolta l'ha fatta fuori dal vaso". Renzo Ulivieri, presidente dell'Associazione italiana allenatori, non usa mezze misure per stroncare le ultime esternazioni di Josè Mourinho. Il tecnico dell'Inter aveva fatto riferimento a colleghi "senza dignità" che si farebbero imporre la formazione da altri. E ieri ha rincarato la dose: "Quando parlavo di allenatori che perdono la propria dignità intendevo che mentre io scelgo la mia squadra da mandare in campo, ci sono molti tecnici che non lo fanno, il mondo del calcio ne è pieno. Se qualcuno mi dicesse come fare la formazione, il giorno dopo il mio ufficio sarebbe vuoto e le valigie pronte".
(da gazzetta.it)

lunedì 23 marzo 2009

Minervino M. - E.Grumese 1-1


Finisce in parità l'incontro di calcio tra Minervino Murge e Europa Grumese. Per i rossoblù in rete capitan Di Giorgio, con un gran tiro direttamente su calcio di punizione. Giovedì si recupererà la gara contro la Leonessa al Campo Sportivo di Grumo Appula alle ore 15:00.

A questo punto alla Grumese mancano soli 3 punti nelle prossime 3 partite per raggiungere il matematico secondo posto in classifica, traguardo insperato e inauspicabile a inizio stagione. E potrà cercare di conquistare questo prestigioso traguardo con due gare consecutive casalinghe: giovedì contro la Leonessa Altamura e domenica contro il rinato Acquaviva. L'ultima gara, invece, sarà il 5 aprile a Polignano, prima della pausa pasquale, in attesa dei playoff di fine stagione.

Dando un'occhiata alle dirette concorrenti della Grumese, il Fortis Trani ha battuto per 4-0 l'Apricena, il Real Barletta ha pareggiato per 1-1 ad Acquaviva, mentre l'Atletico Vieste non ha giocato, a causa di un guasto al pullman del Canosa. lLAudace Cerignola ha festeggiato in casa la promozione in Eccellenza conquistata a Ruvo domenica scorsa, battendo per 4-2 il Candela.

Ricordiamo infine che giovedì sarà l'ultima gara alle ore 15:00, dato che dalla prossima domenica tutte le gare del calcio dilettantistico avranno inizio con un'ora di ritardo, alle ore 16:00, causa il subentro dell'ora legale.

Per leggere la cronaca della gara, andate su Grumonline.it.

In attesa di Italia-Irlanda
Ecco l'ultima volta
dell'Italia a Bari


video

Lippi, aria azzurra di novità
È l'ora di Pazzini e Motta



Tanti infortuni, soprattutto in attacco. Il c.t. azzurro per la doppia sfida di qualificazione mondiale con Montenegro e Irlanda convoca il centravanti della Sampdoria. Chiamati anche il difensore della Roma e Bocchetti, novità assolute. Tornano Brighi e Foggia. Cassano ancora escluso

Marco Motta, Salvatore Bocchetti e Giampaolo Pazzini: sono queste le tre novità assolute delle convocazioni del c.t. della Nazionale, Marcello Lippi, per il doppio impegno di qualificazione ai Mondiali 2010 contro Montenegro e Irlanda. È invece un ritorno in azzurro quello di Matteo Brighi e Pasquale Foggia, che contavano rispettivamente una sola e due presenze. Cassano ancora fuori, come Di Vaio.

INFORTUNATI - Tanti gli acciaccati costretti al forfeit: Legrottaglie e Bonera in difesa, Camoranesi, Gattuso, Aquilani e Perrotta a centrocampo, Gilardino e Toni in avanti.

I CONVOCATI - Questa la lista dei 23 azzurri:
PORTIERI: Amelia (Palermo), Buffon (Juventus), De Sanctis (Galatasaray). DIFENSORI: Bocchetti (Genoa), Cannavaro (Real Madrid), Chiellini (Juventus), Dossena (Liverpool), Gamberini (Fiorentina), Grosso (Lione), Motta (Roma), Zambrotta (Milan)
CENTROCAMPISTI: Brighi (Roma), De Rossi (Roma), Foggia (Lazio), Montolivo (Fiorentina), Palombo (Sampdoria), Pirlo (Milan)
ATTACCANTI: Di Natale (Udinese), Iaquinta (Juventus), Pazzini (Sampdoria), Pepe (Udinese), Quagliarella (Udinese), G. Rossi (Villarreal).
(da gasport)

RISULTATI FANTACALCIO 29^ GIORNATA

Ecco i risultati finali:
Mimmo-Giovanni 2
Rocco-Gli Invincibili 2
Massimo-Tony 1
Vito-Francesco 2

Ecco la classifica:
Massimo 56 punti
Giovanni 50 punti
Mimmo 41 punti
Francesco 41 punti
Gli Invincibili 38 punti
Rocco 38 punti
Tony 35 punti
Vito 25 punti

Prossimo turno:
Tony-Francesco
Vito-Rocco
Massimo-Mimmo
Gli Invincibili-Giovanni

Classifica Generale:
Massimo 2074,5
Mimmo 2073
Francesco 2057,5
Giovanni 2049
Tony 2016,5
Rocco 1994,5
Gli Invincibili 1948,5
Vito 1936

domenica 22 marzo 2009

VOTI UFFICIALI POSTICIPO 29^ GIORNATA SERIE A

Napoli e Milan senza gol
Ma Hamsik aveva segnato



Al San Paolo la sfida fra Donadoni e Ancelotti finisce 0-0. Gli azzurri timidi nel primo tempo, si risvegliano nella ripresa quando sfiorano due gol con Zalayeta. Nel primo tempo annullato un gol valido allo slovacco

Nel suo esordio al San Paolo Roberto Donadoni si deve accontentare ancora di un punto. Ma lo 0-0 con il Milan gli va stretto. Un Napoli così non si vedeva da gennaio. Gli azzurri, dopo un primo tempo timido, in cui però segnano un gol valido con Hamsik annullato per inesistente fuorigioco, salgono in cattedra nella ripresa e mancano due volte il vantaggio con Zalayeta. L'esordio dell'ex c.t. al San Paolo non è fulminante, ma Donadoni può guardare con fiducia al futuro dergli azzurri che tengono sotto un Milan molle e poco convincente e a bocca asciutta dopo 29 partite consecuitive con gol.
(da gasport)

NAPOLI
NAVARRO 6 CANNAVARO 6,5 CONTINI 6,5 GRAVA 6,5 SANTACROCE 6 BLASI 6,5-0,5 BOGLIACINO SV HAMSIK 6 MANNINI 7 PAZIENZA 6 LAVEZZI 6 ZALAYETA 5,5

MILAN
DIDA 6 FAVALLI 6 JANKULOVSKI 5 MALDINI 5,5 ZAMBROTTA 5,5 SENDEROS 5 FLAMINI 5 KAKA' 5,5 PIRLO 5,5 SEEDORF 5,5 BECKHAM 6 INZAGHI F. 4,5 PATO 5 RONALDINHO 5

RISULTATI, MARCATORI E ASSIST 29^ GIORNATA SERIE A

Sabato:
Catania-Lazio 1-0
Paolucci (assist Ledesma)
(Pandev si fa parare un rigore da Bizzarri)


Roma-JuventuS 1-4
Iaquinta
Loria
Iaquinta
Mellberg
Nedved


Domenica ore 15:00

Inter-Reggina 3-0
Cambiasso (assist Stankovic)
Ibrahimovic su rigore
Ibrahimovic


Fiorentina-Siena 1-0
Mutu (assist Gobbi)

Genoa-Udinese 2-0
Sculli (assist Palladino)
Milito


Bologna-Cagliari 0-1
Acquafresca

Chievo-Palermo 1-0
Luciano (assist Pellissier)

Lecce-Atalanta 2-2
Caserta (assist Castillo)
Padoin
Padoin
Caserta su rigore


Torino-Sampdoria 1-3
Pazzini
Sammarco (assist Cassano)
Bianchi (assist Dzemaili)
Cassano (assist Palombo)


Domenica ore 20:30
Napoli-Milan 0-0

VOTI UFFICIALI 29^ GIORNATA SERIE A

L'Inter tiene stretto il +7
Ibra: "Il futuro? Vedremo..."



Nel 3-0 sulla Reggina lo svedese regala un gol capolavoro, il secondo personale, che vale il primato nella classifica dei cannonieri condiviso con Di Vaio. A segno anche Cambiasso. Infortuni per Mancini e Jimenez. La Juve resta a più di due vittorie di distanza

Assalto respinto. L'Inter conserva intatto il suo margine sulla Juventus, che ieri aveva vinto a Roma lanciando l'ennesima sfida scudetto. Il 3-0 sulla Reggina è netto, ed è impreziosito dal secondo centro di Ibrahimovic, fiorito nella ripresa: un pallonetto di sinistro al portiere, appena poco oltre il limite dell'area di rigore. Già nel primo tempo la partita era praticamente un affare chiuso grazie al gol di Cambiasso e al rigore di Ibra, procurato da Mancini. Per la squadra di Orlandi, che non vince una partita da fine novembre, troppi errori davanti a Julio Cesar, comunque bravissimo a respingere ogni tentativo.
(da gazzetta.it)

INTER
JULIO CESAR 7 MAICON 6 MAXWELL SV RIVAS 6 SANTON 6,5-0,5 CAMBIASSO 6,5+3 JIMENEZ SV MANCINI 6,5 MUNTARI 5,5 STANKOVIC 6,5+1 ZANETTI J. 6,5 BALOTELLI 7 IBRAHIMOVIC 7,5+6 OBINNA 5,5

REGGINA
PUGGIONI 6-3 COSTA 5,5 LANZARO 5 SANTOS 5 VALDEZ 5-0,5 KRAJCIK SV BARILLA' 5,5-0,5 BARRETO E. 5 BRIENZA 6 CARMONA 6-0,5 COZZA 6 SESTU 6 CERAVOLO SV ADEJO 6

sabato 21 marzo 2009

VOTI ANTICIPI UFFICIALI 29^ GIORNATA SERIE A

La Roma è a pezzi
E la Juve dilaga: 4-1



Senza 11 giocatori i giallorossi vengono travolti in casa. Vantaggio bianconero con un gol di Iaquinta, poi nella ripresa pareggio di Loria. Ma i ragazzi di Ranieri prendono il largo ancora con l'ex Udinese, Mellberg e un capolavoro di Nedved. E l'Inter ora dista solo 4 punti

La Juve non molla. Non sono solo parole. Non bastano gli infortuni a catena, l'Inter che non perde un colpo, i limiti di una squadra comunque molto competitiva. Il 4-1 con cui i bianconeri passano all'Olimpico con una Roma che definire incerottata è poco, è un chiaro messaggio, insieme ai 19 punti conquistati nelle ultime 7 giornate e ai 5 successi consecutivi. Una vittoria limpida, frutto di una prestazione brillante solo a tratti, ma solida e incisiva. Così chi si aspetta una serie A decisa in anticipo probabilmente resterà deluso.
(da gazzetta.it)

ROMA
DONI 5,5-4 LORIA 5,5+2,5 MEXES 5,5-0,5 PANUCCI 5,5 RIISE 5,5-0,5 TONETTO 6 BRIGHI 6 MENEZ 4,5-0,5 FILIPE 5,5 MONTELLA 5 VUCINIC 5 BAPTISTA 4,5 D'ALESSANDRO SV STOJAN SV

JUVENTUS
BUFFON 6,5-1 CHIELLINI 6,5 GRYGERA 6,5 MELLBERG 7+3 MOLINARO 6-0,5 GIOVINCO 6,5 MARCHIONNI 6 NEDVED 6,5+3 POULSEN 6 SALIHAMIDZIC 6 TIAGO 5,5-0,5 DEL PIERO 6 IAQUINTA 8+6




















Catania, sprint salvezza
Al tappeto una brutta Lazio



Gli uomini di Zenga vincono 1-0 grazie a un gol di Paolucci e si allontanano dalla zona calda. Prova tutta grinta dei siciliani, mentre gli ospiti si sono resi pericolosi in rare occasioni. Bizzarri para un rigore a Pandev

E' arrivata la primavera, a Catania. Non che prima fosse inverno, sportivamente parlando, ma la vittoria 1-0 dei siciliani sulla Lazio sa tanto di missione quasi compiuta (guarda la sintesi). Missione salvezza, ovvio. Bel gioco, prestazione convincente, tre punti in cassaforte: +13 punti sulla terz'ultima, in attesa che si completi il 29° turno. Zenga può ritenersi soddisfatto; Paolucci, autore del gol decisivo, deve ritenersi soddisfatto. Di contro, Lazio deludente e svagata. L'eventuale pareggio raggiunto su rigore sarebbe stata una maschera troppo sottile per coprire le magagne. Ma Pandev, il tiro dagli 11 metri l'ha sbagliato. Giusto così.
(da gazzetta.it)

CATANIA
BIZZARRI 7+3 CAPUANO 7 POTENZA 6 SILVESTRE 5,5-0,5 SILVESTRI SV STOVINI 6,5 BIAGIANTI 6,5 LEDESMA P. 6,5+0,5 TEDESCO Gia. 7 LLAMA SV IZCO 6 MARTINEZ J. 6,5-0,5 MASCARA 6,5 PAOLUCCI 6+3

LAZIO
MUSLERA 6-1 CRIBARI 5,5 RADU 5,5 SIVIGLIA 6 BROCCHI 5,5 FOGGIA 5,5 LEDESMA C. 6 LICHTSTEINER 6-0,5 MANFREDINI C. 5 MAURI 6,5 MEGHNI SV PANDEV 5-3 ROCCHI 6,5 ZARATE 5

Vincono Parma e Bari
Livorno, clamoroso ko



Nella 32ª giornata di serie B spiccano i successi delle due squadre di testa. L'undici di Cori perde 2-3 in casa con l'Ancona, dopo aver chiuso il primo tempo sul 2-0. Vincono Empoli e Modena, trascinate da Pozzi e Bruno

BARI-CITTADELLA 2-0
Quindicesimo risultato utile per la squadra di Conte, che batte il Cittadella senza troppi patemi. La prima palla gol capita ai pugliesi, ma Kutuzov buca clamorosamente il cross invitante di Guberti dalla sinistra. Il bielurosso ha poi un'altra occasione di testa, ma di lì a poco è il Cittadella a sfiorare il vantaggio: Gillet si salva con l'aiuto della traversa sul colpo di testa a colpo sicuro di Cherubin. E' il Bari a insistere e a chiudere in avanti nei minuti finali del primo tempo: al 46' Kutuzov sfiora il palo con un destro a giro. Bisogna aspettare il 7' della ripresa per il vantaggio realizzato da Barreto sul discusso rigore assegnato da Valeri su segnalazione dell'assistente. Nell'ultima mezzora il Cittadella resta in 10 per l'espulsione di Pesoli. Il Bari ha gioco facile e trova il raddoppio con Kutuzov.
(da gazzetta.it)

Inno A.S.Bari

video

Beckham: "Con il mio Milan
batto anche lo United"



Intervista esclusiva della Gazzetta dello Sport all'asso londinese. "Qui tutto è unico, non puoi saperlo finché non sei coinvolto. Sogno di vincere la Champions in rossonero con un mio gol; anche in finale contro il Manchester"

"Qui tutto è unico, non puoi saperlo finché non sei coinvolto": parola di David Beckham. L'asso britannico lo sottolinea nell'intervista esclusiva pubblicata oggi dalla Gazzetta dello Sport. Il centrocampista esalta il gruppo rossonero: "Quando questi giocatori sono sani, la squadra è fantastica".
(da gazzetta.it)

ABBIAMO CHIUSO I SONDAGGI

E' giusto convocare Cassano in Nazionale nella partita di Bari contro l'Irlanda?
81% Sì
19% No

Serie A, il 5 aprile si testa la partita all'ora di pranzo: quale formula preferite?
38% Quella tradizionale con tutte le partite alla domenica alle 15
25% Quella "inglese", con partite spalmate nell'intero week-end (con eventuale aggiunta del lunedì)
25% Quella attuale: due anticipi al sabato e un posticipo alla domenica
12% Il modello "calcio-day": tutte le partite alla domenica ma con orari sfalsati dall'ora di pranzo a quella di cena

FORMAZIONI FANTACALCIO 29^ GIORNATA

Partite del week-end:

Mimmo-Giovanni
Rocco-Gli Invincibili
Massimo-Tony
Vito-Francesco

venerdì 20 marzo 2009

Altri 14mila biglietti
Per Italia-Irlanda a Bari




Completati finalmente i lavori ai tornelli del San Nicola di Bari per la gara Italia-Irlanda di mercoledi 1° aprile alle ore 20:50. Quindi altri 14.000 biglietti saranno disponibili da lunedi prossimo (23 marzo), dato che la situazione é stata sbloccata. Verranno messi in vendita tanti altri biglietti per Curva Nord e Tribuna Est, che risultavano erroneamente già esauriti. Quindi la capienza del San Nicola torna a essere di 58mila spettatori disponibili. Per lasciare spazio ai tifosi biancorossi, sospesa da ieri sera la vendita di tutti i tagliandi.

Oltre venticinquemila, esattamente 25.250 il numero dei biglietti venduti in quattro giorni, 24mila dei quali in Puglia, da lunedì mattina a ieri sera, in vista della difficile partita che la Nazionale di Marcello Lippi è chiamata a giocare allo stadio San Nicola mercoledì 1° aprile contro la squadra della Repubblica d’Irlanda sulla strada della qualificazione ai Mondiali sudafricani del 2010, che dalle ultime edizioni sono obbligati a giocare anche i campioni del mondo in carica.
Da ieri sera alle 19 tutte le rivendite in tutt’Italia hanno sospeso la vendita dei biglietti della partita, per qualunque settore, compresi cioè quelli più cari, di Tribuna Ovest, gli unici disponibili negli ultimi due giorni. Con la Curva Sud riservata ai tifosi irlandesi, attesi in numero cospicuo, risultavano momentaneamente «non disponibili», infatti, tanto quelli di Curva Nord (che per disposizione del ministero degli Interni è stata riservata ai tifosi residenti a Bari e in tutto il Barese, non è dunque acquistabile fuori provincia) che la Tribuna Est. Il blocco della vendita - ha comunicato la federazione calcio - è stato deciso «per un atto di riguardo nei confronti del Bari, che giocherà in casa il prossimo turno di campionato», dunque per evitare che si aggiungano code a code, per evitare di intasare i server Ticketone, già notoriamente piuttosto «fragili» ed esposti da questa mattina anche al rischio esponenziale del via alla vendita dei biglietti per la seconda data milanese degli U2.
La buona notizia è che sono terminati ieri i lavori alle porte del San Nicola, tutte dotate ora di tornelli elettronici e dunque finalmente in grado di essere aperte contemporaneamente in caso di necessità, cosa non permessa dalla legge sino ad oggi per la mancanza dei dispositivi di controllo. Lavori a carico del Comune, proprietario dell’impianto, che si spera possano venir buoni, facendo le corna e toccando tutti gli amuleti a disposizione, nella parte conclsuiva della stagione e nella prossima anche alla squadra biancorossa, chiamata alla volata che porta alla serie A.
Questa mattina la Commissione provinciale di controllo sui locali di pubblico spettacolo verificherà la qualità dei lavori, ma non dovrebbe esistere alcun problema. Poi, da lunedì mattina, andranno in vendita nuovamente i biglietti per Italia-Irlanda: con l’installazione dei tornelli ne arriveranno altri settemila per la Curva Nord e settemila per la Tribuna Est, i due settori più economici che risultavano esauriti. Ancora disponibili anche quelli per la Tribuna Ovest. Previsto il «sold out».

PER LA GARA BARI-CITTADELLA PICCOLE VARIAZIONI DOMANI ALLO STADIO

• Piccole variazioni al piano traffico preparato dall’assessorato comunale già in occasione della precedente partita contro l’Avellino, sette giorni fa. Domani, quando il Bari affronterà il Cittadella, i tifosi biancorossi troveranno mutate alcune situazioni, variazioni apportate soprattutto per migliorare il temibilissimo deflusso dai «petali» del parcheggio del San Nicola, a rischio ingorgo inestricabile.
Già sette giorni i risultati erano stati molto positivi, tanto che i parcheggi si erano completamente liberati in 35/40 minuti. Esperimenti in vista del «tutto esaurito» di Italia-Irlanda, quando una vera fiumana di auto si riverserà intorno allo stadio. Ma anche o soprattutto - scaramanticamente nessuno lo dice - in vista di un possibile ritorno in serie A del Bari.

GRATIS IN AUTOBUS CON IL BIGLIETTO PER ITALIA-IRLANDA

• Dal primo pomeriggio di mercoledì 1° aprile saranno in funzione tre punti raccolta per quanti - italiani o irlandesi che siano - vorranno recarsi allo stadio San Nicola in bus. Basterà presentarsi muniti del biglietto di ingresso allo stadio sul lungomare in piazza Diaz, alla stazione in piazza Moro e in piazza Massari. A fine partita, nei parcheggi Amtab dello stadio, le navette attenderanno quelli che vorranno rientrare nel centro città.
Manca ancora una piccola quota di copertura spese - si spera che il ministero degli Interni voglia cortesemente contribuire - ma la cifra non sembra fuori portata: diecimila euro. La decisione è stata presa ieri mattina durante la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunito in prefettura.
(dal quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno)

ACCREDITI A.I.A./F.I.G.C. PER ITALIA-IRLANDA

• Gli accrediti AIA/FIGC verranno distribuiti nei giorni 30 e 31 marzo 2009, in mattinata dalle 10:00 alle 13:00 e nel pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00, fino ad esaurimento accrediti, presso il botteghino 1, allo Stadio San Nicola (all'altezza della Tribuna Ovest).